Pag: Prev 1 2 3 4 5 6 7 [8] 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 Next

Paesaggi rotabili

19/09/2013

Acrilici su tela, 150x120 cm.

quadri arte contemporanea


Antropocene, Acrilici su tela, 100x122 Cm.

25/06/2013

 

‘Homestead Act è stato un provvedimento legislativo degli Stati Uniti secondo il quale venivano assegnati, a chi ne faceva richiesta, 160 acri (65 ettari) di terra demaniale nelle terre selvagge al di fuori dei confini delle tredici colonie originali. La nuova legge prevedeva tre fasi: una domanda di assegnazione, l’impegno a lavorare la terra assegnata e l’ottenimento del titolo di proprietà. Chi non aveva mai combattuto contro il governo degli Stati Uniti e, tra questi, anche gli schiavi liberati, potevano presentare una domanda di assegnazione presso un ufficio locale del territorio.

La legge venne firmata dal presidente Abraham Lincoln il 20 maggio del 1862.

Ad essa seguirono poi, nel corso degli anni, altre leggi di analogo tenore, conosciute collettivamente come Homestestead Acts. La prima fu il Southern Homestead Act del 1866, che tentava di correggere le disuguaglianze nella proprietà terriera del sud durante la ricostruzione successiva alla Guerra di secessione. Il Timber Culture Act concedeva un terreno a un richiedente che s’impegnasse a piantare alberi. Il lotto poteva essere aggiunto a una concessione già esistente e non aveva vincoli di residenza. Il Kinkaid Act (o Kinkaid Amendment) assegnava un’intera sezione demaniale (una superficie di un miglio quadrato, corrispondente a 640 acri, ossia 260 ettari) ai coloni del Nebraska occidentale. Un emendamento all’Homestead Act del 1862, l’Enlarged Homestead Act, fu approvato nel 1909 e aumentò la superficie dei lotti in concessione a 320 acri (130 ettari). Nel 1916 fu infine approvata un’altra modifica con lo Stock-Raising Homestead Act, aumentando ulteriormente l’estensione dei singoli lotti, stavolta a 640 acri (260 ettari).

 

La prima volta che ho visto dal vero gli effetti di questa legge sul territorio fui molto impressionato: durante un volo di linea sopra gli Stati Uniti, almeno una quindicina di anni fa, mi resi conto della vastità di superficie continentale tracciata in lotti quadrati regolari distribuiti regolarmente sulle direttive cardinali senza preoccuparsi minimamente delle caratteristiche geologiche.

Oggi basta usare uno strumento come Google Earth per verificare questo fenomeno e rendersi conto della portata continentale del fenomeno. Anche questo intervento umano così massiccio sull’ambiente, (tanto da ridisegnare un continente) rientra nelle caratteristiche della nuova era che stiamo affrontando: l’Antropocene.


il futuro alle spalle

30/04/2013

Acrilici su tela 100x140 Cm.


VISIBILI&INVISIBILI

28/02/2013

FUORISALONE, MILANO: DAL 9 AL 14 APRILE 2013

Via Privata Asti, 15 e 17, Milano

Opening: Martedì 9 Aprile, dalle 15,00 alle 22,00

10 - 11 - 12 - 13 Aprile, dalle 15,00 alle 21,00

Domenica 14 Aprile: 15,00 - 22,00

(zona Piazza Piemonte, MM Wagner, tram 16, bus 67 – 61)

hamsterstudio, AMBM Video, Spazio Asti 17, PaoPao Studio

presentano:

VISIBILI & INVISIBILI

Arte, Design, Multimedia e Eco-sostenibilità

In occasione del Salone del Mobile o, meglio, del “Fuorisalone” 2013, la curiosa Via Privata Asti, ospita opere e riflessioni sulla città e sulla metropoli di alcuni tra i più indipendenti studi artistici milanesi.

Hamsters Studio, Spazio Asti 17, AMBM Video, Paopao Studio.

SourceURL:file://localhost/Users/marcoteatro/Desktop/VISIBILI%20comunicato.doc

ESPONGONO:

Davide Ratzo Ratti, Marco Teatro, Fabrizio Folco Zambelli, Pao, AMBM Video, Adriana Lohmann, Arlette Vermeiren, Caterina Crepax, Dalaleo, Filippo Minelli, Marillina Fortuna, Riccardo Grazioli, 13 Ricrea.